Cambia la skin:
Elenco percorsi Elenco attività per categoria Elenco prodotti per categoria
Dettaglio attività Flyron - Funcional Fitness

Flyron - Funcional Fitness di Stefano Cima

Via dell’Industria Viterbo - Viterbo - VT - 01100
Mappa interattiva

Tel: 0761/09.11.98 - Richiedi informazioni

Visita il sito: www.flyron.it

Approfondimenti

Visualizza prodotti
Articoli scritti
Eventi presentati

Descrizione dell'azienda

450 metri quadri e istruttori qualificati WTA
Functional Training. Dopo circa 25 anni di
esperienza nel settore fitness, da principianti
ad agonisti, gli operatori dell’ASDC Icarramba
Stefano Cima e Angela Barra, realizzano un
progetto innovativo, il primo nel Viterbese, ma
che affonda le radici nel passato: Functional
Training (allenamento funzionale).
L’obiettivo principale, è quello di utilizzare
una metodologia di lavoro calibrata sulla
conoscenza dei propri limiti e sviluppo delle
potenzialità di ognuno, al fine di rendere il
corpo funzionale al gesto, sia esso un semplice
movimento di vita quotidiana o quello tipico di
una qualsiasi attività agonistica.

Novità via RSS

Recensione: Leonardo Geronzi

Potrei dire subito che alla Flyron mi sono trovato benissimo e chiudere qui la recensione ma non sarebbe giusto per almeno due motivi:

- Il primo, puramente fisiologico, riguarda il cambiamento che ha interessato il mio corpo in questi due anni scarsi e che attualmente lo sta ancora interessando.
- Il secondo, più intrinseco, ha a che fare con il cambio di vedute che in questi 24 mesi mi ha totalmente trasformato.

Partiamo dal secondo punto introducendo un concetto che è legato a stretto giro con il CrossFit: l’intelligenza euristica.

Le euristiche sono decisioni importanti, che vengono prese abbattendo i processi logici e anteponendo ad essi l’intuizione.
Chi conosce le leve euristiche sa che gli esseri umani hanno un cervello ecologico, creato dall'evoluzione per adattarsi all'ambiente cercando di non incorrere in processi fisici i cui costi superino i benefici.

Alla Flyron si utilizza l’intuizione, ci si adatta all’ambiente circostante ma si educa il corpo ad affrontare gli ostacoli, anche se il superamento potrebbe significare anzitutto un costo, prima che un beneficio immediato.

La logica euristica viene, per certi versi, ribaltata.

Si impara a mettere in discussione certe decisioni standardizzate del proprio cervello, che per la maggior parte degli esseri umani sono il principale ostacolo ad azzardare nuovi movimenti, all’utilizzo di muscoli che altrimenti giacerebbero sopiti e al sollevamento di pesi che fino a poco tempo prima ci sembravano insormontabili.

Si impara a intraprendere la sfida con se stessi, con il proprio corpo, con il proprio spazio vitale, con il proprio equilibro. Una sfida da cui inizialmente si esce sconfitti ma motivati.

Si impara che dire di no prima di aver provato un esercizio è sbagliato.
E si scopre che non esistono fallimenti, semmai tentativi che alla fine porteranno alla completa acquisizione del movimento e alla riuscita dell’esercizio. Parafrasando Beckett: "Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio".

Quando entrai in questa palestra la prima volta ero convinto della buona fede dei miei trascorsi fisici. Ero un assiduo frequentatore di palestre e un abile corridore.

In realtà ero gobbo, pesavo circa 60 kg e non avevo mai incassato un dorsale in vita mia.

Passai la mia prima lezione alla Flyron appiccicato davanti ad un muro con Stefano che mi faceva comprendere come fare uno squat senza “perdere la catena posteriore”.
Fu lì che capii in quale guaio mi ero cacciato.
Ma fu anche lì, però, che capii che quella era la strada che mi avrebbe portato maggiori soddisfazioni.

Di acqua sotto i ponti ne è passata (neanche tanta, ad onor del vero) sono trascorsi 24 mesi fantastici tra le urla di Angela quando vede che non incassi il dorsale, le occhiatacce di Stefano quando trascuriamo la mobilità articolare in favore della forza bruta e i blitz di Andrea per testare se addominali e glutei rimangono sempre in tensione mentre si eseguono gli esercizi.

Oggi mi sento diverso, ho un fisico diverso, il mio atteggiamento è diverso.

Il CrossFit alla Flyron è ed è stata un’esperienza formativa di vita: si assimila il concetto di competizione “sana”, si impara a non perdersi mai d’animo e a motivare gli altri affinché tutti riescano a perseguire l’obiettivo del circuito, anche quando l’obiettivo sembra essere veramente a chilometri di distanza (i terrificanti circuiti thruster/burpees nel mio caso).

S’impara a conoscere il proprio fisico e, cosa più importante, ad infrangere i propri limiti alzando l’asticella delle performance sempre più in alto.

Chi non ha mai provato queste sensazioni forse non ha mai vissuto a pieno la propria fisicità e il proprio io.

 
Saggio Pole Dance 2017

Il 17 giugno si è tenuto il saggio di Pole Dance presso la nostra palestra. Si sono esibite alcune ragazze del gruppo base e altre del gruppo intermedio. Enorme successo per tutte.

Il pubblico, con un grande coinvolgimento e continui applausi, è stata la dimostrazione che le ragazze hanno raggiunto risultati superiori a quelli fissati per il loro livello, grazie all’impegno continuo, i sacrifici ma soprattutto la determinazione, qualità fondamentale per poter praticare questa fantastica disciplina, che spesso è stata messa in crisi dallo sconforto e demotivazione quando non si riusciva a fare qualche presa fondamentale e sembrava che ogni allenamento fosse inutile. Ma “non mollare mai” è il motto che guida queste fantastiche ragazze.

Il saggio si è concluso con una performance sul cerchio aereo di Angela Barra, istruttrice di Pole Dance e Aerial Hoop, che ha presentato questo attrezzo che da settembre prenderà vita alla Flyron.

 
Allenamento Parco dei Cimini

Domenica 11 giugno si è tenuto un allenamento straordinario presso il Parco dei Cimini. 25 partecipanti si sono avventurati in un percorso naturalistico misto tra corsa e ostacoli, quali ad esempio trasposto di carichi, arrampicata alla corda, burpees sotto il getto di acqua corrente ecc..

L’idea è nata dalla voglia di rivivere un percorso spartano simile alla Spartan Race, seppur in piccolo. I nostri soci hanno partecipato con grande motivazione, non solo per allenarsi ma per il gusto di condividere e stare insieme, un altro punto forte della palestra Flyron, dove si vive continuamente un clima di familiarietà, solidarietà, e il nuovo arrivato trova sempre un gruppo pronto ad accoglierlo e farlo sentire a suo agio.

L’allenamento è stato seguito da un aperitivo nei giardini del parco che ha rafforzato l’aspetto di “grande famiglia”.

 
Aikido cos'è e a cosa serve

L’Aikido è un'arte marziale, non sportiva (quindi priva gare), senza regole, nata per la difesa personale.

Ha un approccio tradizionale (tramite l’uso delle forme e lo studio dinamico) per la formazione del guerriero: si passa dalla preparazione atletica, l’uso delle armi (spada, bastone e coltello), armi da lancio, corpo a corpo, fino ad una preparazione psicologica (spirito guerriero, tenacia, controllo e guida dell’aggressività, istintualizzazione delle risposte, ecc).

Si ispira completamente alle vecchie scuole dei Samurai Giapponesi, ma è stata codificata nella sua forma attuale solo intorno ai primi del novecento e tutt’ora viene sviluppata e ampliata ad Iwama in Giappone.

Il nostro Stile si chiama Dentoo iwama ryu Aikido (che significa Scuola tradizionale di Iwama di aikido), e il nostro Caposcuola è Hitohira Saito Sensei.

L’Aikido è un’arte marziale che può essere praticata da tutti indipendentemente dall’età e dalla corporatura.
Il corso di adulti è rivolta ad un pubblico da 14 in poi.
Per i bambini si organizzano corsi dai 4 o 5 anni fino ai 13 o 14.

Chi pratica l'Aikido ha interesse in discipline Orientali, cerca una cura del suo corpo, cerca un’attività che abbia una sua utilità.
E' necessario accettare tutte le “prove” imposte da un’arte marziale, come la disciplina, lo studio delle armi ecc. E' impossibile diventare Bruce Lee dopo un mese. E' necessario un impegno a lungo termine.

L’Aikido ha tutti i pregi di un’arte marziale tradizionale come lo shaolin kung fu, il katori shinto ryu o il kendo, ma non ha la limitazione di regole o competizioni. Permette di avere una discreta preparazione atletica e assimila concetti di spiritualità e equilibrio interiore tipici del Giappone e dell’oriente (come il rituale del saluto, codice di condotta, proverbi e aforismi, ecc).

Permette di apprendere tecniche utili alla difesa personale (i moderni sistemi come il krav maga o il metodo globale di autodifesa hanno preso quasi tutto dall’Aikido).

Il fatto che possa essere applicata e allenata a qualsiasi età la rende perfetta come investimento di fitness duraturo.

Lo studio non si limita solo al corpo a corpo ma permette di apprendere l’uso della spada Katana, il bastone corto o la lancia, il coltello, i disarmi di queste armi, le armi da lancio (shuriken), e tecniche di legatura con la corda usate dai samurai.

La vastità di quest’arte permette sempre di imparare cose nuove per un lungo periodo di tempo. Un periodo lungo una vita intera.

Per maggiori informazioni, orari e scrizioni contattaci.

 
Saggio Pole Dance e Cena

Siamo lieti di invitare tutti i nostri iscritti e le loro famiglie Sabato 17 Giugno per una serata dedicata allo sport e allo stare insieme.

Alle ore 19 verrà organizzato presso la palestra Flyron il saggio di Pole Dance.

Alla fine del saggio ci trasferiremo presso l'agriturismo Parco dei Cimini a Soriano nel Cimino per la cena che avrà inizio alle ore 21.

Per info, costi e prenotazioni contattaci.

 
Attività estiva Bambini

Dal 12 al 16 giugno e dal 19 al 23 dalle ore 09.00 alle ore 12.45 attività sportive e ricreative per tutti i bambini.

 
Il riscaldamento muscolare

Perché fare per forza riscaldamento prima di una lezione di fitness? Per quale motivo "perdere" quei 10/15 minuti invece di sfruttarli al miglioramento di altre qualità e non fare qualche serie/ripetizione/wod in più?

Molti pensano che il riscaldamento sia solo una perdita di tempo, invece non è affatto cosi.

Il riscaldamento permette al ‘sistema-corpo’ di abituarsi e prepararsi al vero lavoro muscolare. Serve ad aumentare la temperatura corporea in maniera graduale, abituare le articolazioni al successivo lavoro di carico facendo si che queste siano piu pronte e ‘lubrificate’. Sollecita i tendini ed i legamenti in maniera graduale, facendo si che siano predisposti alle successivo lavoro di sovraccarico. Inoltre ha un effetto sul sistema cardio-vascolare. Durante il riscaldamento infatti la frequenza cardiaca aumenta, la frequenza respiratoria sale di conseguenza e insieme a tutto ciò si innalza la temperatura corporea.

Un altro fattore non meno importante è quello mentale. Nella fase iniziale di riscaldamento infatti cominceremo a concentrarci sul lavoro fisico che staremo di li a poco ad eseguire, per cui via i cellulari, vie le fonti di distrazione e cominciamo sempre una qualsiasi lezione con un riscaldamento adeguato.

Tutti questi eventi riducono tensione muscolare, permettendo una migliore coordinazione intra ed inter muscolare, diminuendo, di fatto, il rischio di infortuni.

Avete un problema in qualche ‘zona’ del corpo determinata dagli allenamenti ? se la risposta è si , fatevi una domanda : eseguite BENE e SEMPRE un adeguato riscaldamento ?

 
Allenarsi per la Spartan Race

Prima di tutto bisogna capire cosa è veramente la Spartan Race. La Spartan Race è una mudrun, ovvero una gara di corsa ad ostacoli nel fango. La Spartan Race ha 3 diverse tipologie di gara: la Sprint, la Super e la Beast. La Sprint è di almeno 5 km (a volte anche 8), la Super almeno di 13, la Beast almeno 21. Al variare della lunghezza dei km percorsi aumenta anche il numero degli ostacoli. In Italia dal 2017 vengono svolte tutte e tre le gare: a Milano, Orte e Misano Adriatico la Super e la Sprint, mentre a Taranto tutte e tre le gare in un week end decisamente spartano. C’è da dire che Taranto è la città piu Spartana d’Italia.

Come allenarsi per la Spartan Race?

Per impostare gli allenamenti bisogna considerare innanzitutto che si tratta di una gara di corsa, e bisogna, per forza di cose, avere un minimo di preparazione nella corsa, almeno per la lunghezza della gara che si vorrà correre, ovvero se decidiamo di correre la Sprint, bisognerebbe allenarsi a correre per almeno 7/8 km.

C’è da tenere presente che una corsa senza ostacoli è molto diversa da una corsa CON ostacoli. Gli ostacoli infatti spezzano la corsa ( e la rallentano ) e inoltre il loro superamento richiama sangue ed ossigeno in zone del corpo che non sono interessate dal solo correre.

Ma come allenarsi per il superamento degli ostacoli di una Spartan Race?

Prima di rispondere a questa domanda bisogna capire quali sono gli ostacoli che possono creare dei problemi e quanti sono questi ostacoli.

Quali ostacoli si incontrano in una Spartan Race?

E' proprio questo il bello: degli ostacoli non si sa nulla, almeno finchè non si parte. Certamente si può curiosare su internet e intuire che alcuni ostacoli sono piu o meno sempre presenti, ad esempio la camminata nel fango sotto il filo spinato, le trazioni alla corda, oppure la camminata con le mani attraverso le sbarre orizzontali (monkey bar).

Gli ostacoli, presi ad uno ad uno, non sono un grosso problema per chi è un po' allenato. Cosa ci vuole a scavalcare un muretto ??? il reale problema è che gli ostacoli li troverete tutti sporchi di fango e bagnati, per cui sono resi viscidi e scivolosi dagli ‘spartani ‘ che hanno corso prima di voi. E inoltre una cosa è superare un ostacolo da solo, ed un conto è fare un ostacolo dopo aver gia corso diversi km.

Non fate l’errore di pensare che con gli ostacoli ‘ci si riposa’ dalla corsa, perche NON è cosi. Alcuni ostacoli, per esempio la camminata nel fango, sono molto dispendiosi dal punto di vista energetico, visto che vi troverete a dover usare molto le braccia e le gambe insieme, in un movimento coordinato e reso molto faticoso dalla presenza del fango, in pratica tiri e spingi ma stai sempre lì. Quando si esce dal questo ostacolo siete belli stanchi, altro che ‘riposati’ dalla corsa.

Alcuni ostacoli sono indubbiamente piu facili, tipo il ribaltamento del copertone, a patto che sappiate come farlo; esiste una tecnica anche per fare questo.

In realtà esistono già diversi siti che spiegano come superare gli ostacoli e quali sono le tecniche più efficaci per farlo. Ma un conto è leggere su internet, ben diverso è poi avere le capacità fisiche (forza , resistenza, resilienza) per poterlo fare.

Nella palestra Flyron, gli allenamenti di CrossFit , sempre basati su gesti funzionali, permettono di trovarsi pronti a superare qualsiasi ostacoli ci si trovi davanti. Inoltre, dobbiamo pensare che è praticamente impossibile ricreare le esatte condizioni di una Spartan Race, anche se spesso usiamo i copertoni nei nostri allenamenti o gli stacchi da terra per cui, chi si allena da noi, si troverà facilitato al superamento di questo ‘ostacolo’. Altri gesti ‘funzionali, come le trazioni alla sbarra (in inglese pull-up) i burpees, i piegamenti sulle braccia, ed anche l’utilizzo di attrezzi come le palle mediche, i TRX, i flow bag, che fanno parte del ‘corredo’ degli allenamenti svolti alla Flyron, creano un livello di adattamento medio alto dei nostri iscritti , cosa che li rende poi in grado di far fronte a tutte le diverse situazioni.

Nella palestra Flyron (a Viterbo) non ci concentriamo sulla gara in particolare, ma cerchiamo di allenare tutte le qualità allenabili del corpo umano: forza, resistenza, velocità, equilibrio, agilità ecc.) al fine di rendere il corpo funzionale al superamento di qualsiasi ostacolo, e questo in tutti gli allenamenti dell'anno, non solo in vista della Spartan Race, che diventa per noi una verifica finale del lavoro svolto durante l’anno.

Nel 20017, infatti, ci siamo presentati con una squadra che è arrivata al 6° posto nella classifica generale delle squadre, senza dover fare molti allenamenti specifici. E’ stato il nostro liivello di allenamento generale, gia di per sè elevato, a far conquistare a tutti i nostri atleti risultati degni di nota.

Vuoi partecipare anche tu alla prossima Spartan? Vieni ad allenarti da noi. Ti Aspettiamo.

 
Corsi Estivi Salsa Cubana

YOHEL HERRERA presenta CORSI ESTIVI 2017

- 20:00 Corso base

- 21:00 Principianti

- 22:00 Intermedio avanzato

Le lezioni si terranno il Martedì e Giovedì

- Corso base dalle 20:00 alle 21:00

- Principianti dalle 21:00 alle 22:00

- Intermedio avanzato dalle 22:00 alle 23:00

Martedì 6 giugno inizio corsi

SALSA CUBANA / TIMBA CUBANA / AFRO / SON RUMBA CUBANA / RUEDA / MOZAMBIQUE / INTERPRETAZIONE MUSICALE / COREOGRAFIA / PASITOS e molto di più!

Presso la Palestra Flyron Via dell'Industria - Loc. Poggino (ultimo stabile a sinistra) Per info CONTATTACI

 
Allenarsi senza scarpe

Alla Flyron consigliamo a tutti i nostri atleti di allenarsi senza scarpe.

Non è una questione di moda, camminare e allenarsi scalzi porta notevoli vantaggi.

La pianta del piede è densa di RECETTORI detti "podalici" che insieme agli altri recettori (vista, udito ecc) formano il SISTEMA TONICO POSTURALE e garantiscono il nostro equilibrio.

E' chiaro che se tali recettori sono isolati con calzini e scarpe non riescono a ricevere i giusti segnali da inviare al cervello.

Le suole delle scarpe, soprattutto quelle con i cuscinetti ad aria o ammortizzati, aumentano a dismisura il lavoro del cervello per mantenere l’equilibrio, con numerosi segnali inutili inviati a tutti i muscoli. Di conseguenza il corpo non riesce a concentrarsi al 100% sul movimento o allenamento in esecuzione.

Estremizzando è come se si tentasse di passeggiare su un enorme materassino ad aria, la sensazione piacevole è solo apparente, la fatica di rimanere in equilibrio sarebbe enorme.

L'allenamento a piedi scalzi attiva tutti i muscoli del piede che spesso sono atrofizzati proprio a causa dell'uso delle calzature.

Abituarsi a camminare scalzi aiuta anche la mobilità della schiena. Il passo si ammorbidisce, i contraccolpi diminuiscono e i dischi della colonna vertebrale ringraziano.

Migliora anche l'arcata del piede (al contrario dei piedi piatti), migliorando notevolmente la circolazione.

Quando si è adulti è necessario del tempo per abituarsi a muoversi scalzi, e in alcuni terreni o determinati sport può diventare controproducente.

In questi casi si possono utilizzare delle calzature "barefoot" che simulano il piede scalzo ma allo stesso tempo lo proteggono da urti o lesioni.

 

Elenco Percorsi:
Elenco Categorie: Sport e Tempo Libero
Elenco Tag: crossfit kettlebell pole dance trx



© 2017 Conto-Graph S.n.c. Str. Poggino, 67 - 01100 Viterbo (VT) - Tel: 0761/35.27.62 Fax: 0761/25.10.62 P.IVA 00268610565